CANDIDATURE SCRUTATORI - REFERENDUM CONFERMATIVO DEL 20-21 SETTEMBRE 2020

 
 

Per essere nominato scrutatore, il cittadino – che deve inderogabilmente risultare già iscritto all'albo degli scrutatori del Comune di San Pier d’Isonzo  - può presentare la dichiarazione specifica di disponibilità a svolgere tale funzione.

 

La Commissione Elettorale Comunale seguirà i criteri disposti dalla normativa per la nomina degli scrutatori che prevedono, in particolare, di privilegiare le persone in stato di disoccupazione, in condizioni di disagio economico, gli studenti.

 

Per queste consultazioni   la nomina sarà  effettuata in pubblica seduta presso l'Ufficio Elettorale del Comune il giorno     26 AGOSTO ORE 18.00    . 

 

 

 

 Quando viene effettuata la nomina


La nomina degli scrutatori viene effettuata tra il 25° ed il 20° giorno antecedente la data delle consultazioni elettorali o referendarie da parte della Commissione Elettorale Comunale in pubblica adunanza preannunciata almeno due giorni prima con apposito manifesto.

Per queste consultazioni   la nomina sarà  effettuata in pubblica seduta presso l'Ufficio Elettorale del Comune il giorno     26 AGOSTO ORE 18.00    .

Si ricorda che le domande di iscrizione vanno presentate entro il 30 novembre di ogni anno e che una volta iscritti non è necessario rinnovare l'istanza.

  

Come avviene la nomina


La Commissione elettorale comunale procederà agli adempimenti relativi alla nomina degli scrutatori tra il venticinquesimo ed il ventesimo giorno antecedenti quello della votazione, in pubblica seduta, la quale dev’essere preannunziata due giorni prima con apposito manifesto da affiggere nell’albo pretorio on line del Comune.

In particolare la Commissione elettorale procederà:

 

  • alla nomina, per ogni sezione elettorale del Comune, di un numero di nominativi compresi nell’a lbo degli scrutatori pari a quello occorrente (quattro scrutatori per ogni sezione ai sensi dell’a rt. 34, del D.P.R. 30 marzo 1957, n. 361 ovvero tre scrutatori in occasione dei referendum). A tale nomina la Commissione procede all’unanimità. Nel caso in cui non si raggiunga l’unanimità si procederà alla votazione secondo la procedura descritta nell’art. 6 della legge 8 marzo 1989, n. 95, e successive modificazioni;

 

  • alla formazione di una graduatoria di ulteriori nominativi, compresi nel predetto albo, per sostituire gli scrutatori nominati secondo la procedura sopra descritta, in caso di eventuale rinuncia o impedimento. La successione degli scrutatori nella graduatoria deve essere determinata all’unanimità; in caso contrario la formazione della graduatoria stessa sarà effettuata mediante sorteggio;

 

  • qualora il numero dei nominativi compresi nell’albo degli scrutatori non sia sufficiente per gli adempimenti sopra specificati, la Commissione elettorale procederà alla nomina di ulteriori scrutatori scegliendoli fra gli iscritti nelle liste elettorali del Comune stesso.


Il Sindaco notificherà alle persone designate l’avvenuta nomina nel più breve tempo e, comunque, non oltre il quindicesimo giorno antecedente quello della votazione o consultazione.

L’eventuale grave impedimento ad assolvere l’incarico di scrutatore dovrà essere comunicato, da parte delle persone designate, entro quarantotto ore dalla ricezione della notificazione della nomina, al Sindaco, che provvederà a sostituire i soggetti impediti con gli elettori compresi nella graduatoria di cui sopra.

La designazione di coloro che verranno nominati in sostituzione verrà notificata agli interessati non oltre il terzo giorno precedente le consultazioni elettorali o referendarie.

I Sindaci, nel notificare ai designati l’avvenuta nomina a scrutatore di seggio elettorale, dovranno richiamare la particolare attenzione degli scrutatori affinché costoro, nell’espletare la loro attività, si attengano scrupolosamente alle disposizioni di legge ed alle relative istruzioni ministeriali, collaborando attivamente con il presidente di seggio in modo tale che le operazioni si svolgano con regolarità e speditezza. Dovranno anche essere richiamate le responsabilità di natura penale alle quali gli scrutatori possono andare incontro ai sensi degli articoli 94, 100, 103, 104, 108, 111 del d.P.R. 30 marzo 1957, n. 361.